Tag porno su Facebook, cosa fare

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

Tag porno su Facebook, cosa fare - 10/07/2015
10/07/2015

Uno nuovo virus sta creando il panico su Facebook nell’ultimo periodo il che scatena ovviamente indignazione e preoccupazione per gli utenti molto spesso ignari dei messaggi e dei tag che vengono generati e inviati agli amici con contenuti pornografici. Inutile dire che dato l’alto numero di minorenni che usufruiscono del servizio questi link/tag possono essere molto pericolosi. L’utente infetto invia anche via chat dei messaggi a contenuti pornografici; è importante rimuovere i tag e verificare i messaggi e link in uscita in quanto non è semplice spiegare agli amici/utenti che non siete voi a inviare quel particolare messaggio, possiamo immaginare da soli quanto imbarazzo o incomprensioni possa creare la situazione. La stessa polizia postale ha inviato una segnalazione, cliccare sul link inviato infatti, in buona fede dal momento che viene segnalato da un amico, non farà altro che infettare il vostro computer con un virus. La prima cosa da fare è ovviamente non cliccare o aprire mai link di questo tipo, cosa naturale per un utente sgamato ma non altrettanto ovvia per un navigatore poco esperto. Ma è possibile evitare la cosa? Assolutamente si. In primis è possibile attivare il controllo del diario ovvero fare in modo che tutti i contenuti e i tag siano sottoposti a moderazione da parte nostra prima della pubblicazione. Per fare questo ci basta andare nelle impostazioni della pagina e ricercare le voci che permettono di avere un controllo sui post e sui tag. In questo modo riceveremo una notifica ad ogni post inserito così da poter tenere sotto controllo la situazione del nostro diario. Non di meno ci è data la possibilità sia da desktop che da applicazione mobile di segnalare a Facebook l’abuso che abbiamo subito, contattare l’utente vittima inconsapevole di questi tag che a sua volta può applicare i filtri per le moderazioni e segnalare la cosa al buon Zuckerberg. L’argomento può sembrare banale ma immaginate l’imbarazzo che si possa creare se il vostro capoufficio riceve un tag porno dal vostro profilo o se ricevete lo stesso dal profilo di vostra figlia adolescente. Sono situazioni non semplici da chiarire in quanto a non tutti è così chiaro che la cosa non è partita da noi. Nel caso riceviate uno di questi tag da un vostro amico/conoscente avvisatelo perché presumibilmente lo stesso tag è stato inviato ad almeno altre 40 persone e questo non è piacevole. Bastano pochi accorgimenti per proteggersi da questa tipologia di spam atta solamente a infettare i vostri device, diffondete queste informazioni, saranno di grande aiuto per chi non sa muoversi in maniera adeguata nella giungla dei social network.