Passare da Android a iOS?

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

Passare da Android a iOS? - 20/04/2016
20/04/2016

..e allora devi sapere che sono ormai diverse settimane che ho acquistato il mio primo iPhone e posso fare un po il punto della situazione dopo anni di utilizzo di dispositivi Android, vedi Samsung e Htc. Se state meditando il grande salto sappiate che per quanto intuitivo possa essere iOS il passaggio non è cosi immediato soprattutto nel settare il telefono e, come già scrissi su Facebook tempo fa, God save the Aranzulla e i suoi articoli che mi hanno dato una grossa mano a comprenderne le dinamiche.

Per un po vi ritroverete tra le mani un oggetto costosissimo che avrete quasi paura di toccare dopodiché, come per tutte le cose, ci farete l’abitudine. Credo questo sia dipeso innanzitutto dalla cifra folle che avete speso per averlo ma anche dai materiali cosi scivolosi a cui dovete fare l’abitudine.

Il sistema operativo è velocissimo anche se ho letto delle recensioni dove Samsung Galaxy 7 vince su tutta la linea; va anche detto che il confronto è tra Samsung 7 e iPhone 6s il che implica che la casa di Cupertino è indietro di 6 mesi e il nuovo nato, iPhone SE (Special Edition) è un ibrido tra 5s e 6s quindi non un nuovo prodotto ma un prodotto rivisto e corretto per il mercato degli smartphone da 4 pollici che vende ancora tantissimo.

Ci sono alcune app dove la gestione di Android per conto mio è migliore, vedi per esempio WhatsApp nella gestione dei contatti della/e rubrica, mentre un punto assolutamente a favore di iPhone, e qui c’è poco da dire, se usate iMac, iPad o Macbook per lavoro la compatibilità tra i dispositivi è qualcosa di veramente eccezionale. Mai fatto prima un back-up dell’intero telefono in 11secondi netti comprensivo di gallery, video, setting, app ecc, ecc. Quindi, come ho potuto fare una copia completa del Mac nel passaggio da 13’’ a 15’’ in pochissimi minuti con Time Machine e ritrovarmelo uguale, anche con il telefono la procedura (via iTunes ma gestibile anche con iCloud) è praticamente immediata.

Il Touch ID rispetto alle precedenti versioni non perde un colpo mentre devo dire che tutto sommato il 3D touch lo sto usando poco o niente. Molto divertenti le foto live anche se, una volta scaricate dal dispositivo, rimangono comunque delle foto normalissime. Video in 4k interessanti anche se improbabili per il modello da 16GB. Ho preso il 64GB seguendo il consiglio dei più ma è anche vero che non ci metti tanto a riempire anche quello se fai video dalla mattina alla sera e la memoria non è ulteriormente espandibile. Questa è una cosa che molti sostengono Apple dovrà valutare per il futuro se vuole restare al passo con la concorrenza.

Su Android la compatibilità con le App di Google che uso quotidianamente (Drive, Gmail, Youtube, ecc) è ovviamente al 100% ma devo dire che anche su iOS gira tutto bene Chrome compreso quindi anche qui mi sono trovato a mio agio; il vero problema del passaggio tra i 2 sistemi operativi è che in iOS troverai molte applicazioni per te inutili perché da troppi anni abituato a fare le cose in altro modo. Sul fattore telefonico un po lento nell’invio delle chiamate rispetto al mio precedente telefono. La chiamata inviata da rubrica ci mette qualche istante a partire; nessun problema invece nella chiamata intesa come ricezione e nella navigazione.

Tirando le somme se comprate un iPhone sarà dura tornare indietro perché sentite di avere tra le mani un oggetto di valore e, seppure anche i top di gamma di altre aziende lo sono, l’impressione è che siano comunque oggetti di uso comune anche a causa del bombardamento mediatico. Se usate il telefono per lavoro allora vale la spesa ma se lo prendete per farvi i selfie e vantarvi di averne uno il costo è veramente esagerato, potete sicuramente trovare un dispositivo a prezzo inferiore che faccia quello che vi serve.