Le persone importanti della tua vita

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

Le persone importanti della tua vita - 20/08/2017
20/08/2017

Ho letto un articolo curioso sulle 5 tipologie di persone che puoi incontrare nella vita qualche tempo fa su Facebook e ho deciso di soffermarmici anche io anche se, a dire il vero, sono più propenso a pensare che possiamo tranquillamente ridurle a 3:

1 - Quelle inutili

2 - Quelle di passaggio

3 - Quelle che rimangono

Viene sicuramente da pensare che quelle inutili vadano per la maggiore ma non è necessariamente detto; dato di fatto è che questa categoria è rappresentata da un grandissimo numero di persone che incontriamo nel corso della nostra vita e non includerei incontri occasionali, che so, qualcuno/a con cui scambi 4 chiacchiere all’aeroporto, al bar o cose del genere perché in fondo non si tratta di un rapporto vero e proprio ma solamente uno scambio di opinioni o sguardi. Non è situazione nemmeno da prendere in considerazione ma che porterebbe questa categoria ad avere il numero maggiore di esemplari.

Le persone realmente inutili della tua vita sono quelle che frequenti per tempo anche tuo malgrado, per esempio dei colleghi di lavoro, ma con cui non crei mai un vero e proprio rapporto; della serie che anche se le vedi e ci parli per 5 anni di fila tutti i giorni te le scordi in meno di 24 ore. E’ la situazione a renderle parte della tua vita ma non ti lasciano nulla.

Si, se ci pensate sono tante ma non tante quanto quelle di passaggio.

Quelle di passaggio sono quelle più facili o difficili da digerire a seconda del caso, persone che entrano nella tua vita per svariati motivi, che so, un collega, un compagno di merende, un amore, un amico e sono quelle che ricordi perché ti danno tantissimo e a cui dai tantissimo, sono persone di cui pensi difficilmente potrai fare a meno; ma in realtà sono stagionali, finiscono e scompaiono come sono arrivate, magari dopo anni, arrivano nel momento giusto al posto giusto; io non credo in Dio ma credo nel destino. Del resto sono programmatore, sarebbe impossibile per me pensare che tutta la nostra vita sia affidata al caso, deve per forza esserci un motivo se una persona entra nella tua vita, la riempie di tante cose e ad un certo punto se ne va per la sua strada.

Come nell’articolo che citavo in apertura sono convinto che ogni incontro abbia un significato, non sia mai un caso e questo vale anche per uno scambio di sguardi o un sorriso di qualcuno che incontri per 30 secondi e chissà perché ti rimane impresso; quante volte vi è successo? Le persone che ti lasciano qualcosa sono sempre un motivo di crescita, spesso di sofferenza quando non capisci perché di punto in bianco non ti cercano più, o semplicemente assolvono ad un ruolo come tu lo assolvi per loro. Non dobbiamo avere rimpianti e lo so che a parole sembra na passeggiata, ma è semplicemente cosi che doveva andare, non hanno più nulla da darti e tu non hai più nulla da dare a loro. Provate a pensare quante di queste persone avete incontrato nella vostra vita e vi garantisco che sono molto più di quelle inutili.

E infine quelle che restano, non entrano nella tua vita solo per un po ma decidono di farne parte; ti danno tanto, ti dedicano tempo, ti accettano coi tuoi pregi e i tuoi difetti, ti cercano, credono in te, ti fanno girare le palle, puoi non vederle per mesi o anni ma sono parte di te e quando le rivedi è come non fosse passato un giorno. Ecco, queste sono davvero poche e auguro a ognuno di voi di incontrarne il più possibile perché a parole è facile volere bene o apprezzare realmente qualcuno ma i fatti sono un altra cosa e man mano che gli anni passano il parco si riduce notevolmente e inevitabilmente.

Le persone che restano sono un patrimonio nella vostra esistenza ma ricordate che anche voi dovete imparare a restare e ad esserci. Nel corso della mia vita privata e professionale, da musicista prima a docente poi, ho incontrato migliaia di persone, persone che credevo avrebbero fatto per sempre parte di me ma non è stato cosi quasi mai. In un mio vecchio brano scrissi questo verso: cambiano i contesti, cambiano le idee, le distanze assurde, le cose che non sai.

Tutto ciò che mi porta a inseguire costantemente un cambiamento e la mia continua ricerca di un livello superiore o semplicemente di me stesso mi mette per forza di cose nella seconda categoria ma forse, qualche volta, avrei dovuto imparare anche io a restare, non sono mai stato bravo in questo, ho un carattere troppo complesso ma avrei dovuto imparare perché tante di queste persone vorrei ci fossero ancora e non ci sono più per mille differenti motivi. Non li chiamo rimpianti, non lo sono, è quella nostalgia che ogni tanto prende per qualcuno a ognuno di noi.

Ecco, io mio malgrado cosi sono fatto, e nella vita del 99% delle persone che incontro sono e sarò sempre di passaggio e tu che mi leggi in questo momento e sai di far parte di quel 1% sappi che mi rendi felice e fortunato ad averti e spero tu possa dire altrettanto di me (del resto altrimenti non faresti parte della categoria suppongo).

Eh si ragazzi miei, i rapporti, di qualsivoglia natura, sono complicati da mantenere e sono certo che dopo aver letto questo articolo avrete riportato alla mente tante di quelle persone che un pò di nostalgia vi sarà venuta per forza di cose ma non vi preoccupate, domani è un altro giorno e quelle importanti restano e di quelle di passaggio di cui pensate non potete fare a meno prima o poi rimarrà solo un bel ricordo perché come si suol dire, il tempo fa sembrare Nutella pure la merda.

Buona immersione nei ricordi a tutti voi.