In arrivo Spartan

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

In arrivo Spartan - 02/03/2015
02/03/2015

Lo ammetto, scrivo molti più blog su Apple e Google che non sulla concorrenza diretta, quindi oggi mi appropinquo verso altri lidi e faccio un salto a vedere le novità in casa Microsoft. La notizia più interessante è di quelle che ogni designer che deve già fare i conti con la compatibilità di 5 browser più tutte le versioni di IE fino alla 7 (perché ce ne sono ancora in giro diversi) aspettava con ansia: finalmente un nuovo browser. Il nuovo nato in casa Microsoft si chiama Spartan o perlomeno così pare e prenderà ufficialmente piede con l’uscita di Windows 10. Il nuovo browser non andrà a sostituire Explorer (per il momento) ma sarà implementato come secondo browser già presente nel sistema operativo e dovrebbe essere perfettamente compatibile con tutte le normative vigenti. Il team di sviluppo ha dichiarato più volte che i problemi di compatibilità di Explorer erano tali che ci avrebbero messo meno a fare un browser nuovo di zecca che sistemare l’attuale e così è stato. Spartan ha un motore di rendering nuovo derivante da Trident che risponde al nome di Edge quindi non più ms come IE e sarà implementato come prodotto unico sui dispositivi mobile Windows Phone; a differenza del precedente avrà un supporto per le estensioni anche se ancora non ci è dato sapere quali e non si esclude la possibilità di una versione per windows 7. La necessità di rompere con il passato, dato il pesante calo di utilizzo da parte degli utenti sempre più spesso rivolti verso Chrome, sembra un’ottima strategia per offrire un prodotto fresco e al passo con i tempi anche se, naturalmente, ai non estimatori dei prodotti Microsoft poco importa se sarà funzionale. Alcune chicche che il nuovo browser porterà con se, almeno dai numerosi rumors che girano per il web, vociferano di un collegamento diretto a OneDrive quindi la possibilità di salvare in Cloud copia dei nostri documenti e l’integrazione con Cortana, l’assistente vocale di Windows per le ricerche. Il nuovo browser è stato annunciato al Keynote di Microsoft del 21 gennaio scorso e sono disponibili delle immagini in anteprima dal sito MSDN Blog grazie alle quali si possono già apprezzare le caratteristiche responsive su cui il prodotto punta pesantemente per affermarsi nel mercato odierno ovvero una completa usabilità passando da desktop a tablet o smartphone. L’interfaccia appare molto gradevole e ricorda alcune caratteristiche di Chrome e Firefox anche se l’uso dei colori e dello stile è prepotentemente sullo stile Windows 8 che non ha mai propriamente soddisfatto il mio gusto estetico. A quanto pare quindi a vent’anni esatti dalla sua nascita (ferragosto 1995) il destino di Internet Explorer che, nel bene e nel male, ha segnato le nostre esperienze di navigazione e lavoro sembra oramai deciso. Che ci piaccia o no è comunque la fine di un era e, diciamocelo, se Spartan funziona quando qualcosa nelle pagine web gira storto non potremo più dare la colpa a Explorer. A buon rendere vecchio IE, ci mancherai.