Il nuovo Windows 10

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

Il nuovo Windows 10 - 06/10/2014
06/10/2014

E' sempre stata mia convinzione che Microsoft azzecchi un sistema operativo ogni 2. Ovviamente questa convinzione si basa sulla mia personalissima esperienza utente; facciamo 2 conti: Windows 98 era ottimo ma Windows 2000 decisamente no, XP era eccellente mentre conosciamo tutti la reputazione del successisvo Vista, Windows 7, che io uso ancora con molto piacere anche se da tempo ormai per lavoro tutta la vita solo OS X, è probabilmente il miglior sistema operativo che Microsoft abbia immesso nel mercato mentre la minima esperienza avuta con Windows 8 è stata tutt'altro che lusinghiera. Logico a questo punto aspettarsi, dopo la 8.1 che qualcosina aveva migliorato, una versione 9; e invece si salta direttamente alla versione 10. Microsoft decide (soluzione che condivido pienamente) di fare mezzo passo indietro e mezzo passo avanti presentando un sistema operativo a metà tra le versioni 7 e 8. Nell'interfaccia torna a grande richiesta il benedetto tasto Start invocato a gran voce da chiunque fosse traumaticamente passato da 7 a 8 anche se conterrà i tile presenti nell'ultima versione che io ritengo fastidiosi almeno quanto il BlinkFeed di HTC. Una delle critiche maggiori rivolte a Windows 8 è il fatto di essere troppo rivolto ai dispositivi touch mobile (basti pensare a Windows phone) mentre, a quanto pare, ora si potranno gestire entrambe le situazioni in maniera ottimale; si vocifera infatti che l'interfaccia cambi automaticamente in conseguenza al fatto che siano o no presenti e collegati mouse e tastiera. Windows 10 è stato presentato a fine settembre a San Francisco e la motivazione ufficiale per il salto del numero 9 è stata legittimata da una volontà di mostrare un vero cambiamento seppure la politica dei piccoli passi sia oramai una strategia consolidata sia per Microsoft che per Apple. Joe Belfiore, responsabile dei sistemi operativi Microsoft, mette sul piatto la volontà di immettere sul mercato un sistema operativo multitasking definendolo universale, ideale per desktop, tablet e smartphone. Windows 8, per il quale era prevista una release .2 che non andrà mai in porto è attualmente il sistema operativo più diffuso al mondo ma ha anche dato del filo da torcere ai moltissimi utenti che continuano a rimpiangere la versione 7. La vera capacità imprenditoriale che rende grande un azienda è anche quella di saper tornare sui propri passi prestando attenzione alle esigenze dei propri clienti, ce lo dimostra anche Google con il mia culpa per aver costretto milioni di utenti ad avere un profilo Google Plus e Youtube contro la loro volontà. Windows 10 è previsto per il 2015 e molte specifiche tecniche sono già disponibili in giro per il web o in fase beta dal sito Microsoft ma naturalmente da qui alla release ufficiale sicuramente ci saranno moltissime novità. Potrei concludere dicendo aspettiamo con ansia l'uscita? Ma anche no, ormai nessuno mi schioda più dal mondo Apple quindi la mia unica attesa và per il beneamato Yosemite, sicuramente però l'importanza dell'evento di casa Microsoft darà una bella scossa al mercato. Non ci rimane che attendere e vedere se la versione 10 sarà in grado di riportare all'ovile quella fetta di mercato che la versione 8 ha spedito verso altri lidi a forma di mela morsicata. See you.