Cos’è Google My Business

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

Cos’è Google My Business - 14/04/2015
14/04/2015

Google My Business rappresenta uno step fondamentale per qualsiasi attività che voglia farsi conoscere nel web utilizzando i potenti strumenti che Google mette (gratuitamente) a disposizione; Una semplice ricerca vi porterà alla pagina iniziale dove, tramite il vostro account privato o nuovo account, avrete accesso a tutte le possibilità che il prodotto offre. La struttura mette in comunicazione, grazie a dashboard unificate, Google Places (Maps), la pagina aziendale Google+business e il profilo personale Google+. Utilizzando strumenti per testare il vostro sito come per esempio Nibbler scopriremo come il punteggio qualitativo del tutto aumenti una volta accertata e verificata una pagina di riferimento collegata alla vostra attività su Google+business, Facebook e Twitter, i 3 principali social network. Assolutamente obbligatorio quindi usufruire di questi servizi tenendo sempre conto che, solo se gestiti e utilizzati poi nel tempo in maniera corretta, avremo dei risultati concreti. Cliccando sul menù della pagina my business, dove solitamente abbiamo le app, possiamo usufruire di diverse funzioni per muoverci nella dashboard dove gestire le pagine create, il profilo personale e il profilo youtube. Ultima ma non ultima l’applicazione per le analisi e le statistiche che ci riporta una serie di dati su l’andamento della pagina. Al momento di creare la connessione tra la pagina Business e il sito, Google ci presenta già come proprietari/autori di quest’ultimo verificando direttamente i collegamenti a Analytics e Webmaster Tools. Naturalmente non è obbligatorio dichiarare la geolocalizzazione dove l’attività risiede; per noi freelance infatti nella maggioranza dei casi questa risulta essere l’abitazione di residenza dove abbiamo un semplice studio e non un vero e proprio ufficio e quindi possiamo evitare di dare questa informazione considerato che la stessa apparirebbe nei risultati della serp. Per fare questo è necessario scegliere l’opzione business e non local, le pagine di brand, artisti o organizzazioni infatti non includono un indirizzo su una sede fisica ma hanno come unico scopo raggiungere follower, fan e potenziali clienti. Qualsiasi inserimento, post, foto e le stesse cerchie possono essere visibili pubblicamente oppure vincolate a una scelta dove decidere di non mostrare nessuna di queste informazioni. Questo ovviamente ci garantisce una certa privacy pur permettendoci di usufruire appieno del servizio. Come già annunciato in precedenti post, Google è in continua evoluzione per presentarci prodotti sempre più innovativi per il nostro business. E voi cosa aspettate ad aprire la vostra pagina?