Google Inbox by Gmail

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

Google Inbox by Gmail - 25/10/2014.
25/10/2014.

Pochi giorni fa Google ha annunciato l'arrivo di Inbox, un nuovo servizio app in supporto a Gmail per una migliore gestione e organizzazione della posta elettronica. L'app si può già scaricare ma non funziona se non su invito di Google, invito che si può richiedere a inbox@google.com; ma nello specifico a cosa serve? Nel blog pubblicato da Google si parla di quanto possa diventare ingestibile oramai il nostro traffico mail, rischiando sempre più spesso di perdere eventi o appuntamenti importanti; Inbox si occupa appunto di questo: raggruppare, gestire promemoria, mettere in evidenza le informazioni più importanti; aiutarci anche a muoverci meglio e perdere meno tempo nelle ricerche, per esempio se facciamo una prenotazione per un locale, un ristorante o altro nella mail di conferma avremo in primo piano la mappa (di Google ovviamente) per raggiungere la location desiderata oppure il numero di telefono. Insomma un sistema di gestione dei contenuti per facilitare l'esperienza utente. Si vocifera potrebbe addirittura sostituire la classica Gmail nei prossimi anni. Questa nuova app è disponibile sia per Android che per Ios, l'interfaccia è molto pulita e ordinata e le card permettono di avere una buona visualizzazione per argomenti senza perdersi più di tanto. Grafica decisamente in sintonia con l'ultimo aggiornamento di Hangout e funzionalità che ricordano moltissimo mail di Dropbox. Non è ancora chiaro se Inbox funzionerà solamente con indirizzi Gmail o se il mercato verrà aperto anche ad altri client, sarebbe alquanto limitante da parte di Google optare per la prima opzione dopo i già clamorosi errori commessi con la gestione dei profili G+ e Youtube; chi come me possiede diversi indirizzi mail potrebbe essere ben propenso a organizzarli tutti in un unica app. Non esiste ancora (che io sappia) una data che ci dica quando la beta a invito diventerà release ufficiale, di mio penso aspetterò ancora un pò per passare all'utilizzo, in fondo non è che ricevo 8mila mail al giorno e devo ammettere che ogni tanto mi stanco a dover imparare ogni 3 giorni a utilizzare qualcosa di nuovo. E poi devo ancora smaltire l'odiosissima idea di gestire i messaggi di Facebook con l'inutile e pesantissima applicazione Messenger costringendo l'utente a una installazione di cui farebbe decisamente a meno. Google ricordi sempre gli errori del passato e impari dagli errori dei competitors.