Clienti e Gutenberg, 5 consigli utili

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

Clienti e Gutenberg, 5 consigli utili - 24/11/2018
24/11/2018

Siamo alla resa dei conti, sei pronto ad accogliere il nuovo nato? Che ci piaccia o no, che sia bello o brutto, che esca Lunedì o a Gennaio poco importa, WordPress 5 e il nuovo editor a blocchi, meglio noto ai più come Gutenberg, stanno arrivando.

Online se ne leggono più o meno di tutte le salse sul piano tecnico ma raramente ho trovato qualcosa in relazione a come comportarsi con i clienti a cui abbiamo realizzato e/o gestiamo un sito in WordPress, pertanto, nelle settimane scorse ho iniziato ad organizzarmi sul da farsi; vado quindi ad elencarvi le mosse (secondo me) corrette su come procedere a riguardo.

1. Aggiornare o non aggiornare?

Aggiornare sempre e comunque per la sicurezza, per mantenere il sito attuale e fresco nella tecnologia e per serietà professionale. Ma sicuramente questa volta non possiamo aggiornare senza avere un piano perché il macro aggiornamento può essere una passeggiata di salute per noi che siamo del mestiere (forse) ma un bagno di sangue per il cliente, quindi, prima di procedere, è bene passare al punto 2.

2. Avverti il tuo cliente e spiegagli la situazione

Un paio di settimane fa ho iniziato il giro di email e telefonate per spiegare i perché e percome del nuovo aggiornamento punto premettendo che, seppure da considerarsi parte del compenso 2018, prenderò in mano la questione solo a fine Gennaio per attendere la risoluzione di bug vari ed eventuali che sicuramente non mancheranno. Chiaro che se WordPress 5 esce a Gennaio il tutto slitta almeno a metà Febbraio. Questo è giusto che al cliente sia chiarito se vi paga un compenso per la manutenzione.

3. Lascia al cliente la decisione finale

Il cliente che si gestisce il sito si ritroverà da un giorno all’altro un editor completamente diverso da quello attuale, pertanto è bene che sia lui a decidere se vuole che l’aggiornamento sia fatto oppure no perché questo implica che ti dovrà pagare almeno un paio d’ore per essere formato all’utilizzo e bisogna vedere se la cosa gli garba o anche semplicemente se ne ha voglia e tempo. Evita pertanto l’eccesso di zelo e le sorprese e dedica dieci minuti a cliente per fare informazione corretta. Nel caso il cliente decida di non aggiornare nonostante i tuoi consigli rispetta la sua decisione ma fatti mandare una mail di conferma e conservala, non si sa mai che poi qualcuno non ti venga a contestare qualcosa.

Ricorda ovviamente che nessuno ti vieta di aggiornare e installare il vecchio editor come plug-in di terza parte se per il cliente il passaggio risulta ostile, per qualche anno questa procedura sarà supportata.

4. Non fare il Robin Hood del web

Lo so, lo so, ci sono casi in cui magari ti sei sentito o ti senti in obbligo di mantenere la struttura anche se non ci guadagni nulla, magari perché il cliente è un amico o per mille altri ragioni ma ricorda, questo aggiornamento è veramente strong, pertanto ti consiglio caldamente di mollare tutte le situazioni dove non hai un ritorno economico; pensa solamente alla mole di backup e test in locale sul tema che dovrai fare prima di procedere, il tuo tempo è prezioso e non è corretto regalarlo a meno che non ritieni ne valga realmente la pena.

5. Segui le procedure corrette

Il cliente ha accettato il piano di aggiornamento per il 2019, quindi il passaggio a WordPress 5 più le ore di formazione su Gutenberg perché sa che affidarsi ad un professionista è sempre la soluzione migliore? Ottima notizia, allora quando sarà il momento ricorda di seguire la procedura corretta:

  • 5.1 Fai un backup del sito online
  • 5.2 Installa il backup in locale
  • 5.3 Aggiorna il sito e i plug-in in locale e verifica le varie ed eventuali
  • 5.4 Se in locale è tutto ok aggiorna il sito e i plug-in online e verifica
  • 5.5 Se in locale ci sono problemi prenota un viaggio a Medjugorje
  • 5.6 Conserva una copia della versione 4.9.8 per ogni eventualità

In conclusione

Se stai terminando di realizzare dei siti in locale ti consiglio di aspettare prima di andare online, ti risparmierai un backup e del tempo che difficilmente puoi addebitare al cliente dal momento che il sito è nuovo. In caso di deadline prima della release fai presente al cliente che sarebbe meglio aspettare ma lascia ovviamente a lui la decisione finale, se si fida del tuo lavoro non dovresti avere problemi.

E questo è quanto su come procedere nella gestione del cliente in relazione al nuovo rivoluzionario aggiornamento, armati di pazienza, studia e sii sempre professionale ed eticamente corretto.

Amen