Che cos’è Snapchat

Blog, psicoterapia autogena di un web designer freelance

Che cos’è Snapchat - 02/05/2016
02/05/2016

Si fa un gran parlare di questa applicazione da un po di tempo a sta parte e ammetto, per mia ignoranza, che sono il primo a non sapere cosa sia e infatti ho deciso di scrivere questo articolo non tanto per soddisfare la vostra ma bensì la mia curiosità.

Mi dice il web che Snapchat è un applicazione che invia messaggi, foto e video che si autodistruggono dopo 10 secondi che sono stati letti; praticamente una manna dal cielo per gli adolescenti perché ammettiamolo, per noi sopra una certa età è stato comodo avere i genitori che non sanno usare internet ne uno smartphone, ma immaginate sti poveri ragazzi che hanno mamma e papà che si fan più selfie di loro. Non hanno un minimo di privacy, non possono postare le loro foto in biancheria o coi muscoli di fuori in bagno su Facebook, non possono girare un video amatoriale da pubblicare su Youporn perché rischiano di essere sgamati e visti dai genitori stessi. E’ una vita d’inferno.

Quando ho scoperto questa cosa che fa Snapchat sono rimasto spiazzato perché ero convinto fosse solo un giochino per farsi foto buffe e, infatti, mi chiedevo che senso avesse la parola chat nel nome.

Ho quindi scoperto anche una precisa filosofia alla base del successo di questa app ovvero i 3 punti cardini su cui si basa il concetto:

  • un'immagine vale più di mille parole
  • cogli l'attimo
  • niente è per sempre

E grazie a queste citazioni colte ho scoperto anche l’esistenza di un termine che non conoscevo assolutamente meglio noto come Sexting ovvero l’usanza di inviare foto, video o messaggi erotici/porno mediante chat e che, dato si autodistruggono, para il real fondoschiena da tutte le potenziali conseguenze come bullismo, diffusione o cyberbullismo. Preciso, non è che non sapevo che la gente si manda le foto porno su WhatsApp o Messenger, non sapevo che questa cosa avesse un nome…

Inutile dire che esistono almeno un paio di app per sistema operativo che permettono di salvare/estrapolare i dati prima che saltino in aria quindi tutto il principio su cui si basa il progetto è relativo. Oltre a questo pare le basi di sicurezza della stessa non siano poi cosi sicure data la non cifratura dei messaggi e altre piccole falle nella gestione da parte degli sviluppatori.

Con questo non voglio sminuire un gioco che appassiona milioni di persone in tutto il mondo, sia chiaro, ma appunto di questo si tratta, un gioco. Ma Internet può diventare un gioco molto pericoloso se non si usa un minimo di buon senso, questo forse è il caso di insegnarlo ai vostri figli, ma prima di loro sarebbe una buona idea se i genitori stessi cominciassero a rendersi conto di questo e si informassero prima di fare e disfare cose in rete con una leggerezza che spesso trovo disarmante.

Questa è ovviamente la mia modestissima opinione, vivi e lascia vivere e ognuno faccia come gli pare, il mondo è bello perché è vario, finché la barca va lasciala and…ok, la smetto. Avrei potuto installare Snapchat per testarla ma, fortunatamente, ho un sacco di amici che ce l’hanno e mi han risparmiato la fatica. I primi 5 minuti mi ci sono pure divertito, ma non ditelo a nessuno.

Dai a Cesare quel che è di cesare.

Ok, la smetto.